Planimetrie catastali : richiedere la rasterizzazione

planimetrie catastali

Planimetrie catastali: le regole per la rasterizzazione.

L’istanza di rasterizzazione delle planimetrie catastali è una procedura tanto semplice quanto comune. Può essere fatta, in particolare, direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate oppure rivolgendosi a un tecnico abilitato.

Rasterizzazione delle planimetrie catastali, ecco quando è necessaria.

A partire dal 1 luglio 2010 in caso di compravendita immobiliare è necessario allegare al contratto la planimetria catastale rasterizzata ovvero la copia in formato cartaceo della planimetria dell’immobile depositata nell’archivio digitale dell’Agenzia delle Entrate.

La rasterizzazione delle planimetrie catastali, infatti, è uno degli elementi più importanti nell’ambito di un rogito perché permette all’acquirente di verificare se l’unità immobiliare corrisponde o meno alla planimetria depositata.

Cosa significa rasterizzazione della planimetria catastale?

La rasterizzazione della planimetria non è altro che l’acquisizione tramite scanner della planimetrie catastali dell’unità immobiliare da parte dell’Agenzia delle Entrate. In moltissimi casi la banca dati di questo ente pubblico contiene già una copia digitale delle planimetrie catastali; talvolta, però, può succedere che queste non siano presenti.

Si verifica, in particolare, quando la planimetria cartacea non è presente nel fascicolo del Catasto relativo all’unità immobiliare oppure nel caso di planimetrie catastali molto vecchie che non sono state ancora esaminate da parte degli addetti alla rasterizzazione.

Come fare la richiesta di rasterizzazione delle planimetrie catastali ?

Come anticipato, la richiesta di rasterizzazione della planimetrie planimetrie può essere fatta direttamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate oppure rivolgendosi a un professionista abilitato. La procedura è abbastanza semplice perché consiste essenzialmente nel passare allo scanner la planimetria cartacea e trasferire i dati all’archivio dell’Agenzia delle Entrate.

Per richiedere la rasterizzazione di una planimetria è necessario disporre dei dati catastali dell’unità immobiliare di cui si richiede la rasterizzazione. A volte si deve fornire anche il numero di scheda o protocollo associato alla planimetria, dato rilevabile dalla visura catastale.

Solitamente, però, i tempi di acquisizione della planimetria da parte dell’Agenzia delle Entrate sono un po’ lunghi: possono superare i 15 giorni.

Nel caso di compravendita immobiliare e, in particolare, se lo stato di fatto dell’immobile non è conforme alla planimetria depositata al catasto, prima di richiedere la rasterizzazione della planimetria può essere utile avviare una procedura di sanatoria della planimetria in modo da mettersi in regola.