Stufa a pellet: conviene la sua installazione?

stufa a pellet

Volete migliorare il comfort domestico e state valutando di acquistare un stufa a pellet e siete arrivati alla fatidica domanda: la stufa a pellet conviene? In questa pagina analizziamo i costi legati alle stufe a pellet.

Il pellet, tra i tipi di combustibili per le stufe , è quello che può presentare un buon margine di risparmio.
 Si stima che una stufa a pellet, in una singola stagione, possa tagliare i costi sul riscaldamento da un minimo di 100 euro a un massimo di 1.200 euro, in base al tipo di impianto che va a sostituire.
Il massimo di 1.200 euro si tocca quando la stufa a pellet sostituisce un impianto a GPL, si risparmiano circa 525 euro quando la stufa a pellet sostituisce un impianto  a gasolio oppure circa 100 euro se la stufa a pellet sostituisce un impianto a metano.

In ogni caso le stime sono sempre molto orientative, soprattutto quando non forniscono i dati circa la capacità della stufa testata, la quantità di pellet bruciati e il calore prodotto.

Il maggior risparmio si ottiene acquistando grossi quantitativi di pellet quindi valutate anche questo: eventualmente avete posto dove stoccare un intero pianale di sacchi di pellet? Il luogo deve essere asciutto e privo di umidità per non intaccare la qualità del pellet acquistato.
L’eventuale convenienza della stufa a pellet non è legata solo al combustibile ma anche agli incentivi per l’acquisto. In primis vi segnaliamo il CONTO TERMICO 2.0, erogato dal GSE e molto comodo per coloro che intendono sostituire un vecchio impianto di riscaldamento scegliendo stufe a pellet o altri impianti più efficienti. Altri incentivi per chi vuole comprare una stufa a pellet consistono nelle detrazioni fiscali per l’efficientamento , in questo caso l’incentivo ammonta al 65% per cento della spesa sostenuta.
Se con il Conto termico l’utente riceve un vero e proprio rimborso in denaro, con il bonus ristrutturazione l’incentivo viene erogato sotto forma di detrazione irpef.